Mostra dei vincitori del

Passepartout Photo Prize a Roma

 

Dall’8 al 22 settembre si terrà presso la galleria 28 Piazza di Pietra di Roma la prima mostra annuale del Passepartout Photo Prize, un concorso fotografico internazionale organizzato da Il Varco. La mostra mette in evidenza i migliori fotografi scoperti tra più di 400 candidature provenienti da tutto il mondo nel 2020. Saranno presenti i progetti fotografici "Apice" di Valeria Laureano e "Island Symmetries" di Laura Pannack, vincitrici rispettivamente della prima e della seconda edizione del concorso. Il vincitore della terza edizione sarà annunciato durante la mostra dell'11 settembre (sabato) che sarà trasmessa in diretta sui social media.

11 artisti internazionali, per lo più donne, che si sono distinti per il loro approccio alla fotografia contemporanea e per la loro capacità espressiva, capace di creare una forte e profonda connessione emotiva tra lo spettatore e i soggetti delle immagini. In mostra sarà presente una selezione di 44 fotografie, premiata da una giuria internazionale di professionisti del settore. La mostra collettiva è curata da Roberta Fuorvia, che commenta "occuparsi di questo premio è stimolante e mi dà la possibilità di scoprire i lavori di tanti giovani talenti. Mi sento davvero privilegiata a poter guardare tutto questo e prendere spunto da ognuno dei partecipanti per tracciare le linee artistiche e curatoriali di questa edizione".

Diana Cheren Nygren 4
Laura Pannack
PASSEPARTOUT MOSTRA social media
Valeria Laureano 02

Oltre alle due vincitrici del premio principale, in mostra: "Me Before Me" di Cristina Cusani, "Liquid Landscapes" di Silvia De Giorgi, "Testae" di Oriana Majoli, "The persistence of family" di Diana Cheren Nygren, “Io sono noi” di Francesca e Alessandra Oro, "Body" di Clair Robins, "Sinecittà" di Zeroscena insieme ai lavori di Sara Petraglia e Giorgia Bisanti.

Passepartout Photo Prize è un concorso a tema libero che mira a sostenere lo sviluppo di artisti emergenti. Il concorso offre premi monetari ogni anno, e i vincitori ricevono varie esposizioni attraverso la mostra in loco, la pubblicazione, le gallerie online e altro ancora. La giuria delle edizioni 2020 è stata guidata dal fotografo americano Richard Tuschman.

Ciò che rende Passepartout Photo Prize unico da altre migliaia di concorsi fotografici è che si concentra sulla fotografia fine art. Il direttore artistico Olmo Amato ha descritto: "in un momento storico in cui la maggior parte delle immagini fotografiche create digitalmente rimangono nel regno virtuale, abbiamo sentito la necessità di creare un concorso che desse visibilità agli autori con una mostra reale. Una galleria fisica dove poter osservare le fotografie non come pixel ma come immagini stampate e oggetti d'arte".

Il nuovo bando per Passepartout Photo Prize 4a edizione si apre anche a settembre, accogliendo il nuovo media partner GUP Magazine, una rivista di fotografia contemporanea dei Paesi Bassi. Questo giovane concorso aspira a diventare più di un semplice concorso - a creare un hub per i fotografi di belle arti per essere ispirati e acquisire esperienze nel business dell'arte.

 

Restiamo in contatto:



Joomla Extensions powered by Joobi